Correndo con Ser Filippo Brunellesco

di Pino Giuseppe De Grazia

E’ la seconda volta che partecipo alla maratona di Firenze, e per me è come immergersi nella storia ma soprattutto nell’architettura della città. La Torre della Zecca Vecchia, l’ Arno ed in lontananza i capolavori del Rinascimento sono il biglietto da visita della sua bellezza. Il Lungarno è straordinariamente invaso da una moltitudine di persone. La Torre, che in origine raggiungeva 60 braccia fiorentine di altezza, faceva parte della terza cerchia trecentesca progettata da Arnolfo di Cambio. Mura demolite dall’architetto Giuseppe Poggi per “ingrandire la città”, Firenze diventa capitale d’Italia negli anni 1865 – 1870.
Ore 9.15 lo speaker Lodovico Nerli Ballati annuncia la partenza agli oltre 10.000 podisti. Si parte con il sole, giornata fredda ma ideale per correre. I viali nei primi chilometri ribadiscono l’immagine che la nuova capitale doveva dare assomigliando ai “boulevard” parigini. Non si fa in tempo a vedere Porta al Prato che siamo dentro le “Cascine” (6° km), il polmone verde e di allenamento per noi podisti, trasformato dai Lorena da tenuta agricola a parco moderno. Penso sia una piacevole sorpresa, anche per coloro che l’hanno attraversate per la prima volta e si saranno chiesti cosa fossero quegli strani monumenti disseminati in tutto il parco. Realizzati dall’architetto Giuseppe Manetti, alcuni alludono a riti e miti della massoneria settecentesca, uno su tutti la piramide egizia utilizzata per la conserva del ghiaccio, anche per le sontuose feste dei granduchi.
Ma siamo già in “Oltrarno” non accuso stanchezza e procedo secondo la tabella, ma è presto, siamo solo al 19° km. Superiamo Palazzo Pitti con il prospetto severo a “bugnato” in pietra forte opera del Brunelleschi, e poi il Lungarno Torrigiani. A sinistra la prospettiva degli Uffizi del Vasari ed i palazzi nobiliari bellissimi, tra cui s’intravede all’altezza del ponte alle Grazie, il Museo Stefano Bardini. Furbo antiquario aretino di fine ‘800, che fece fortuna con la distruzione del vecchio “ghetto” di Firenze, e che racchiude capolavori tra cui il porcellino di Pietro Tacca, la carità di Tino di Camaino ed una collezione di tappeti, bronzetti, armi, madonne, cassettoni nuziali, cornici ed i famosi “pastiche” che vendeva ai più famosi musei del mondo. Un importante restauro nel 2009 ha permesso di riaprire il museo, di proprietà del Comune di Firenze, e di ammirare al piano nobile il “blu Bardini” delle pareti. E poi ancora, sul Lungarno Serristori, sulla destra si staglia la Torre San Niccolò l’unica rimasta intatta nella sua altezza. Attraversato il ponte San Niccolò ci allontaniamo verso sud, per poi rientrare a campo di Marte, siamo al 27° km ed inizio ad accusare la stanchezza. Dopo il 34° km sono in piazza SS Annunziata. E’ un’armonia di architettura rinascimentale, da sindrome di Stendhal, con gli edifici dello Spedale degli Innocenti del Brunelleschi, e di rimpetto il loggiato dei Serviti opera di Antonio da Sangallo e Baccio d’Agnolo, il Palazzo Budini Gattai dell’Ammannati uno dei pochi esempi in città con facciata a mattoni, e la chiesa di SS Annunziata del Michelozzo. Completano la piazza il monumento al Granduca Ferdinando I de’ Medici opera del Giambologna e le fontane del suo allievo Pietro Tacca.
Lasciamo via Ricasoli, e l’accademia con all’interno il David del Michelangelo, piazza Duomo con la Cupola e siamo in piazza della Repubblica. Di li a poco si staglia la mole di Palazzo Strozzi, alzo gli occhi per ammirare il grandioso cornicione in pietra serena opera di Simone del Pollaiolo detto il Cronaca, e nella strettoia di via della Vigna Nuova intravedo Palazzo Ruccellai opera illustre di Leon Battista Alberti. I ponti Santa Trinita e Vecchio ci fanno ammirare l’Arno, e la mia stanchezza fisica si lenisce grazie solo alla bellezza di questo paesaggio urbano. Siamo oramai nella parte finale con piazza della Signoria, di nuovo il Duomo e la via Ghibellina lunghissima (40° km), ma prima di affrontarla ammiro il mio museo preferito, il Bargello, con all’interno la maestria della scultura del Rinascimento: Ghiberti, Brunelleschi, Donatello, Michelangelo, Giambologna per citarne alcuni. Ma penso, prima di fare la curva con grandissima sofferenza e per farmi forza, all’Apparazione della Vergine a San Bernardo, opera sublime di Filippino Lippi all’interno della Chiesa della Badia Fiorentina.
Sono oramai sul Lungarno della Zecca Vecchia l’arrivo è dietro l’angolo. Sono provato e mi rendo conto di non aver rispettato la mia tabella faticosamente preparata con i miei amici Marco e Mario, peggiorando anche il mio miglior tempo ma non importa, intravedo il tappeto rosso. Sono arrivato!
Mentre i crampi mi assalgono impietosi faccio in tempo a dare un ultimo sguardo alla basilica di Santa Croce con la facciata marmorea realizzata alla fine dell’800, ed alla cupola della cappella de’ Pazzi opera bellissima e postuma di Filippo di ser Brunellesco.

La mia prima maratona

Pubblico integralmente la mail che Fernanda ci ha inviato, è bellissima e piena di amore per la corsa e di riconoscenza e di amicizia per chi l’ha accompagnata. Non si parla di tempi, in fin dei conti solo statistici, ma è piuttosto un inno alla fratellanza, che di questi tristi tempi ne abbiamo assolutamente bisogno.

Grazie a te 🙂

Fontanini ci siete??? !!!!!!!!
vi ringrazio tutti ,ora che ho concluso la mia prima maratona sono qui per ringraziarvi perchè avete creduto in me e mi avete sostenuto.
Siete stati FONDAMENTALI.
Oggi al 21 km mi hanno preso a “braccetto” la Cecilia e suo marito, la Silvia e la Lucia.
Sono stati splendidi perchè mi hanno coccolata e provvedevano ai miei bisogni ( thè, sali, fazzoletto, cappello e maglia, anche evitarmi il vento) , fino alla fine quando con la Silvia al traguardo ( che mi ha sempre tenuta d’occhio monitorando i miei passi ) mi sono commossa ho pianto di gioia.
Un bacione a tutti
alla prossima corsa
Fernanda

Alla faccia di Baudelaire

E’ il 7 agosto 1839 quando il sig. Louis Mande Daguerre in una seduta straordinaria dell’Accademia di Belle Arti di Parigi rivela ad un pubblico di artisti, intellettuali e scienziati i segreti della sua invenzione. La storia del ritratto coincide con l’invenzione del fotografia, dalla pittura ne eredita i modelli e dai pittori è profondamente ostacolata, dando origine alle correnti baudeleiriane. E come negli anni 70 e 80 il fotografo si recava nelle scuole per fare il ritratto ufficiale, e così era nelle cerimonie classiche, anche per i fontanini arriva il fatidico momento della foto di gruppo, di un gruppo eccezionale, amalgamato e fraterno.

1459236_10201777146941783_165755379_n

Classifiche ufficiali TDS

Ricevo e pubblico dalla puntualissima Monce

Classifiche UFFICIALI TDS Maratona in 4 Livorno 10/11/2013

FONTANINA CELESTE 3:52:07 FONTANINA VIOLA 3:39:59

Tempi ufficiali:

1 Frazione 7,242 km Buccia (celeste) 46:03 Erika (viola) 46:03 Media 6:34

2 Frazione 13,385 km Katia (celeste) 1:09:16 media 5:10 Ricca (viola) 1:13:14 media 5:28

3 Frazione 12,460 km Stefania (celeste) 1:08:07 media 5:28 valentina (viola) 1:15:28 media 6:03

4 frazione 9,105 Monce 48:41 media 5:20 Chiara 25:14

(non sappiamo quanti km ha fatto in realta’ ma se li avesse fatti tutti e 9 mandiamola alle Olimpiadi perchè la media sarebbe 2:46 quindi in prospettiva un bel 59 minuti per la mezza maratona (ndr  bisogna vedere dove taglia :P)

Una maratona da grinpisino

di Riccardo Ricci
Correre è il primo divertimento di un bambino
Correre è liberatorio.
Correre è una ventata di ottimismo.
Correre ti permette di superare i tuoi limiti contando solo su te stesso.
Correre ti mostra la sofferenza necessaria per raggiungere un traguardo.
E quale traguardo può essere più ambizioso della libertà?
Ecco, allora, l’idea di correre per lanciare un messaggio di solidarietà verso i
trenta attivisti di Greenpeace prima detenuti per due mesi in Russia e poi rilasciati su cauzione, in attesa di un processo per il quale rischiano fino a quindici anni di carcere.
Ecco l’idea di correre per la loro libertà.